Proteine relazionate con l'ovulazione e la fertilità

Le Proteine

Informazioni sulle proteine e sugli alimenti che ne contengono

proteine relazionate all'ovulazione

Dei ricercatori del National Institutes of Health hanno scoperto nei topi due proteine essenziali per l'ovulazione. Questa scoperta ha delle applicazioni per la cura dell'infertilità come risultato di un errore di ovulazione oltre a servire per sviluppare nuovi modi di prevenire la gravidanza evitando la liberazione dell'ovulo.

Le proteine ERK1-2, così son chiamate queste proteine essenziali, sembrano che siano relazionate alla maturazione e alla liberazione dell'ovulo.

Lo studio, pubblicato nella rivista Science di maggio, è stato realizzato in parte da due istituti del NIH, l'NICHD e l'NCI.

“L'ovulazione è il risutato di una complessa interazione tra sequenze chimiche” secondo Duane Alexander, direttore dell'NICHD. “I ricercatori hanno identificato un intermediario biochimico cruciale che controlla la liberazione dell'ovulo. La scoperta aumenta la nostra conoscenza in merito e potrà forse contribuire un giorno a creare nuovi trattamenti contro l'infertilità e nuove forme per prevenire la gravidanza“.

L'ovulo immaturo è contenuto in uno strato di cellule conosciuto come follicolo ovarico formato soprattutto da cellule granulose. Ogni mese, le ghiandole pituitarie liberano ormoni follicolo stimolanti e ormoni luteinizzanti affinché l'ovulo e le cellule della granulosa avorica circostante crescano e si trasformano in un follicolo maturo. Alla metà del ciclo mestruale, la ghiandola pituitaria libera un grande numero di ormoni luteinizzanti provocando la rottura del follicolo con la conseguente liberazione dell'ovulo. Le cellule di granulosa nella rottura del follicolo si trasformano in cellule luteali.

I ricercatori non sapevano come l'ormone leutizzante influisse nella liberazione dell'ovulo dell'ovario e nella produzione di progesterone delle cellule granulose. In questo studio, i ricercatori mostrano come l'ormone luteinizzante compare per segnalare la liberazione di molecole note come proteine chinasi 1 e 2 regolate al di fuori della cellula. A loro volta, queste molecole provocano una catena di sequenze chimiche che agiscono sulla liberazione dell'ovulo, sulla trasformazione delle cellule granulose in cellule luteali e nella produzione di progesterone.

Importanza delle proteine ERK1 ed ERK2

Le proteine ERK1 ed ERK2 sono un nesso tra l'aumento dell'ormone luteinizzante e l'ovulazione.

Anche se le proteine ERK1 ed ERK2 sono intermediari essenziali per l'ovulazione, ci sono altre molecole, ancora da scoprire, che probabilmente giocano un ruolo importante in questo processo. Il dipartimento di scienze riproduttive sta appoggiando ricerche per decifrare altre sequenze chimiche.

Mentre il capire la funzione delle proteine ERK1 ed ERK2 può dare informazioni utili per il trattamento dell'infertilità nelle donne, questa scoperta può portare a scoprire come evitare lo sviluppo dell'ovulazione per sviluppare metodi anticoncezionali.

Per condurre lo studio, la dottoressa Richards e i suoi colleghi hanno usato topi carenti dei geni necessari per produrre proteine ERK1 ed ERK2. Gli ovari di questi topi producevano ancora ovuli ma non si liberavano perché esposti all'ormone luteinizzante. Inoltre, le cellule granulose non si trasformano in cellule luteali e cominciano a produrre progesterone, cosa normale quando entrambi i geni sono presenti. D'altro canto, i topi con versioni funzionali dei geni per produrre proteine ERK1 ed ERK2 erano fertili.

Finora non si sono scoperti altri geni essenziali per l'ovulazione e la conversione di altre cellule in produttrici di progesterone. Un aspetto dell'importanza delle proteine è che sembrano bloccare la crescita delle cellule granulose per la produzione di progesterone.

Articoli relazionati con Proteine relazionate con l'ovulazione e la fertilità